Cambiamento

Cambiare prendendo spunto dalla filosofia della scienza

Leggende narrano che ci sia un ramo della filosofia dedito allo studio delle basi e delle implicazioni etiche e pratiche di tutte le scienze: una sorta di boss di fine livello per tutte le discipline scientifiche!

Scherzi a parte, se c’è una cosa che la filosofia della scienza ci insegna è quanto sia importante fermarci a riflettere sul come mai avvengono le cose. Insomma, parliamo di un esercizio di ragionamento critico utile alla nostra crescita personale.

Nella nuova puntata di MOMENTI ho chiesto a Gaia di raccontarmi qualcosa in più rispetto alla sua grande passione per questo ramo del sapere, ed ho cercato di capire in che modo quest’ultimo possa tornarci utile nel nostro modo di porci nel mondo.

Cambiamento

Una bussola per il nostro agire

Quanto è importante nella nostra vita sapersi orientare?

Se ci fermiamo un attimo ci accorgiamo che c’è un orientamento per tutto: per la ricerca del lavoro, per la scelta della scuola, ci sono persino delle app di dating che filtrano i nostri interessi per guidarci verso partner con i quali avremmo maggiori possibilità di instaurare un rapporto duraturo.

Sembra indispensabile, quindi, ai fini del nostro benessere psicologico sapersi orientare bene e fare le scelte giuste. E se vi dicessi che c’è uno sport che può servire da innesco per allenare la nostra bussola interna?

Nella nuova puntata di MOMENTI ho parlato con Guido dell’orienteering e di come questa attività sportiva porti con sé tutta una serie di caratteristiche che possono davvero tornarci utili nella quotidianità.

Cambiamento

Cosa ci insegnano gli scacchi?

Il gioco degli scacchi è da sempre considerato un ottimo allenamento mentale, ma può tornarci utile anche in periodi di vita complessi?

Mi riferisco a quei periodi in cui ci sentiamo un po’ persi, quando sentiamo che forse non riusciremo, che forse non siamo in grado.

Ecco, quindi, che nella nuova puntata di MOMENTI ho provato a far luce sulla questione partendo dalla chiacchierata con Gabriele riguardo la sua grandissima passione per gli scacchi.

pensieri

Chi vogliamo essere?

Non mi conoscevo affatto, non avevo per me alcuna realtà mia propria, ero in uno stato come di illusione continua, quasi fluido, malleabile; mi conoscevano gli altri, ciascuno a suo modo, secondo la realtà che m’avevano data; cioè vedevano in me ciascuno un Moscarda che non ero io non essendo io propriamente nessuno per me: tanti Moscarda quanti essi erano.
L. Pirandello, Uno, nessuno e centomila

Continua a leggere “Chi vogliamo essere?”
Informazioni

Nisbett e l’esperimento della felicità

Richard Nisbett è uno psicologo sociale che nel suo libro “The geography of thought” (Tr. Italiana: “Il Tao e Aristotele“) ci racconta alcuni degli esperimenti transculturali da lui condotti allo scopo di provare l’esistenza di differenze nel modo di approcciarsi alle cose tra persone “occidentali” e “orientali”.

Continua a leggere “Nisbett e l’esperimento della felicità”
pensieri

Un anno tra passioni e benessere psicologico

É passato un anno dall’inizio di questa avventura e in quest’anno il progetto ne ha fatta di strada: 600 followers su Facebook, 129 su Instagram, più di 7 mila visualizzazioni per i video sul canale Youtube e 240 download dei podcast su Spreaker e Spotify.

Continua a leggere “Un anno tra passioni e benessere psicologico”
pensieri

Stereotipi e Pregiudizi culturali

Fonte: https://www.youtube.com/watch?v=V-Esm-etsAs

Il video di Fanpage.it ci mostra molto bene cos’è uno stereotipo culturale e come questo possa evolvere in un pregiudizio che mina il processo di accettazione e integrazione di uno o più individui.
Ma come nascono gli stereotipi e i pregiudizi culturali?

Continua a leggere “Stereotipi e Pregiudizi culturali”
pensieri

La spedizione in Lucania di Emilio Servadio

Ultimamente faccio davvero tanta fatica a buttare giù idee e riflessioni.
Mi sono accorto che lo scrivere qualcosa di sensato, comprensibile e che allo stesso tempo possa comunicare tutto lo studio e la ricerca che ci sono dietro mi richiede molte energie, troppe per la quantità di cose che faccio (o che spero di realizzare) durante il giorno. Il lato negativo, però, è che se non scrivo qualcosa, se non prendo nota di quello che leggo o che penso, rischio di perderlo perché finisce per svanire pian piano sommerso da tutti i pensieri che ruotano attorno alle vicende quotidiane personali e lavorative. Cosa fare allora?

Continua a leggere “La spedizione in Lucania di Emilio Servadio”